Robotica: un evento mondiale al Nautico

Le squadre dell'edizione 2016 riunite nella nostra palestra
Nel weekend del 2 e 3 febbraio l'Istituto San Giorgio, nella sede in calata Darsena, ha ospitato l'edizione del nord-ovest Italia della First Lego League.

COS'E'?
First Lego League è una manifestazione mondiale di scienza e robotica che include una gara tra squadre di ragazzi dai 9 ai 16 anni che progettano, costruiscono e programmano robot autonomi, applicandoli a problemi reali di grande interesse generale, ecologico, economico e sociale, per cercare soluzioni innovative.
Nasce dalla collaborazione tra LEGO® e FIRST® (acronimo dell'Associazione americana For Inspiration and Recognition of Science and Technology, ovvero 'Per l'ispirazione e la valorizzazione di Scienza e Tecnologia').
Per mettere sullo stesso piano concorrenti di età differenti, i promotori della manifestazione hanno pensato di proporre a tutti i partecipanti l’uso esclusivo dei materiali LEGO® Mindstorms per la realizzazione dei robot.
Attualmente sono coinvolte 88 nazioni distribuite sui 5 continenti. Le qualificazioni partono dalla fase regionale per proseguire in quella nazionale che fornisce l’accesso alle manifestazioni internazionali continentali e mondiali.

L'EVENTO GENOVESE
Ad organizzare l'evento a Genova è stata Scuola Di Robotica: un'associazione no profit fondata nel 2000 che ha come scopo la promozione della cultura mediante attività di istruzione, formazione, educazione e divulgazione delle arti e delle scienze coinvolte nel processo di sviluppo di questa nuova scienza e si occupa di organizzare eventi a tema "robotica" a livello italiano ed europeo.

Robot realizzato dalla squadra "Brain Bots"
I ragazzi di Scuola Di Robotica in collaborazione con alunni delle classi terze si sono occupati di organizzare la manifestazione e sono stati lo staff e i punti di riferimento delle squadre durante i due giorni della manifestazione. La preparazione per un evento di questo livello richiede molte ore di lavoro. Il primo incontro con tutti i partecipanti è stato il pomeriggio di mercoledì 31 gennaio durante il quale i membri dell'associazione ci hanno spiegato nel dettaglio di cosa loro si occupano e di cosa tratta la manifestazione. Ci hanno fatto fare un gioco di gruppo a tema "robot" per conoscerci. Il giorno seguente parte degli studenti si è occupata di iniziare a costruire i campi di gara mentre il resto ha continuato a fare un altro paio di giochi a tema "robot" e "Lego". Venerdì sono stati assegnati i ruoli ad ognuno ed abbiamo iniziato ad allestire la scuola per l'evento.
Finalmente sabato mattina presto abbiamo iniziato a darci da fare ed è iniziato così un lungo fine settimana che si sarebbe concluso solo domenica sera.
Alcuni di noi erano i cosiddetti flowters, ovvero le guide e gli aiutanti delle squadre, per prima cosa abbiamo incontrato le squadre di cui si saremmo occupati durante la giornata. Ogni squadra, al termine di ogni round di gara, avrebbe dovuto incontrare una giuria a cui esporre il progetto organizzato nei mesi di preparazione. Le giurie sono composte da studiosi, soprattutto docenti universitari e sono tre: una giuria scientifica a cui presentare una ricerca scientifica sulla tematica dell'anno; una giuria tecnica a cui mostrare il robot e il programma realizzato per farlo funzionare mentre la terza, la giuria core values, valuta l'interazione tra i membri della squadra.
I giudizi contribuiscono al punteggio finale sommati ai risultati delle gare.

A lavorare ad un evento di questo livello c'è pressione, ma il risultato è davvero soddisfacente, abbiamo avuto la possibilità di conoscere tanta gente e di vedere la passione che avevano i ragazzi e i loro insegnanti nel mostrare le loro abilità e nel gareggiare con progetti su cui hanno lavorato per mesi, è stato inoltre un modo divertente di fare alternanza scuola-lavoro.

Sara Dellepiane

Commenti