Visita alla portaerei Cavour

A inizio Novembre ha attraccato a Genova la nave ammiraglia della Marina Militare italiana: la portaerei/incrociatore Cavour.
Ovviamente molte classi del triennio sono andate a visitarla.
La visita è stata molto essenziale anche a causa della mole di persone interessate, ma nonostante questo non è mancato qualche momento di interesse.

Dopo essere saliti a bordo dal portellone dell'hangar, la visita è proseguita, attraverso varie rampe di scale ripidissime e corridoi molto stretti, fino ad arrivare in plancia. Poi altre scale e corridoi per arrivare nella sala di controllo macchine  e, un ponte più in alto, all'ospedale; infine di nuovo nell'hangar dove, in occasione del Salone dell'Orientamento, erano stati allestiti gli stand dei vari rami della Marina: dai sommergibilisti al Battaglione San Marco all'Istituto Idrografico.

La visita poteva essere più specifica e far vedere, almeno i macchinisti ci speravano, la sala macchine, ma a quanto ci è stato detto era troppo pericoloso. Di conseguenza la visita è risultata essere molto simile a un continuo spostarsi su e giù per scale e corridoi, intervallato da qualche spiegazione sommaria.
È comunque stato interessante vedere l'ospedale, in tutto e per tutto paragonabile a quello di una cittadina di provincia e scoprire che su una nave del genere è molto più importante degli armamenti, infatti il suo scopo principale è quello di compiere missioni umanitarie, come dare supporto a zone terremotate.
L'aspetto più interessante è stato parlare direttamente con il personale dei vari stand. Questo ha permesso a tutti di valutare la possibilità di una carriera in Marina, spesso scartata in partenza perché considerata troppo impegnativa.

Matteo Caramaschi

Commenti